L’Allenamento Anti – aging

L’ALLENAMENTO ANTI – AGING
di Nazareno Cannuci e Andrea Torresani

Il termine anti – aging (anti – invecchiamento) oggi è molto usato e conosciuto tant’è che molti autori ne parlano descrivendo vari approcci soprattutto nella medicina estetica. Più che di anti – aging si potrebbe parlare di aging management, perché l’invecchiamento non si può ostacolare ma si può gestire in vari modi. Con il passare del tempo, dal punto di vista fisiologico avvengono modificazioni dell’organismo per quanto riguarda il profilo ormonale, l’apparato muscolo – scheletrico, l’aspetto estetico ecc.

Nel mosaico delle metodologie anti – invecchiamento, l’allenamento e l’attività fisica in generale, rappresentano un tassello fondamentale che insieme ad altri, come vedremo, potranno fare la differenza nel migliorare la qualità della vostra vita. L’attività fisica è quindi uno dei segreti che vi permetteranno di arrivare in forma fino a tarda età. A livello Europeo e soprattutto in Italia le ultime statistiche registrano un graduale invecchiamento della popolazione con meno nascite e più anziani per via di un incremento della longevità. Forse la ricerca scientifica grazie alla quale si hanno a disposizione migliori cure mediche sta contribuendo a questo incremento della vita media? Si registra parallelamente un incremento del numero di persone che svolgono regolarmente attività fisica e che introducono nella dieta cibi più salutari. Una salute migliore permette ad ogni individuo di gravare meno sulla spesa nel settore sanitario (terapie, medicine ecc.).

L’invecchiamento (senescenza) è un fenomeno che interessa tutti gli esseri viventi. Ciò comporta una involuzione psico – fisiologica dell’organismo che nel tempo si deteriora e perde capacità. I cambiamenti involutivi riguardano non solo l’estetica, ma anche tutto il resto dell’organismo a partire dalle strutture neuro endocrine all’apparato muscolo scheletrico. Si tendono a perdere delle capacità funzionali quali coordinazione motoria, equilibrio, forza, resistenza ecc.

L’invecchiamento è un fenomeno che non si può bloccare ma si può gestire. Si parla quindi di aging – management. Conoscendo tutto ciò che comporta l’incremento della velocità di questi processi involutivi e la consapevolezza, ci aiuteranno a mettere in atto strategie per cambiare rotta. Tra i fattori che favoriscono l’invecchiamento precoce possiamo annoverare lo stress non gestito, uno stile di vita scorretto e la cattiva alimentazione. Vivere meglio e modificare il nostro stile di vita scegliendone uno più sano, ci aiuterà a rimanere più efficienti ed autosufficienti più a lungo; ciò gioverà prima a noi stessi e poi a tutte le persone che ci circondano.

 

I pilastri delle metodologie anti – aging possono essere rappresentati da questi punti:

 

  • Migliorare lo stile di vita scegliendone uno più salutare: essere attivi, cambiare il modo di pensar assumendo un atteggiamento positivo e propositivo, imparare a programmare il corretto riposo ecc.
  • Scegliere un’alimentazione più salutare.
  • Introdurre nel proprio stile di vita attività fisica regolare ed esercizio fisico
  • Imparare a gestire lo stress incominciando dal riposo adeguato

 

Migliorandosi da dentro il risultato si vede anche fuori. Anche l’estetica può avere la sua importanza specialmente a livello psicologico, ma sentirsi in forma più efficienti e più forti sono gli obiettivi principali.

L’esercizio fisico praticato con regolarità porta ai seguenti benefici:

  • migliore sensibilità insulinica
  • stimolazione ormonale e miglioramento dell’umore
  • incremento densità minerale ossea
  • miglioramento della funzione immunitaria
  • riduzione del grasso in eccesso
  • riduzione del rischio cardiovascolare ed altre patologie (iperpressione arteriosa, diabete, ecc.)

questi sono solo alcuni dei benefici indotti con l’attività fisica in particolare con il vero e proprio allenamento.

L’allenamento è un percorso altamente personalizzato che richiederebbe l’intervento di alcune figure professionali tra cui il personal trainer. Nel caso in cui si voglia procedere in maniera individuale (da soli) occorre informarsi a dovere.

Purtroppo Internet è anche fonte di disinformazione, divulgazione di credenze comuni e confusione. Molta gente (professionisti, atleti, amatori ecc.) pubblicano video dei loro allenamenti e propongono esercizi e schemi al grande pubblico. La scelta del percorso di allenamento non può essere dettata dal sentimento ma occorre una valutazione preliminare o per lo meno la consapevolezza della condizione fisica di partenza.  Molti scelgono attività semplici come il trekking, la corsa, la camminata, il nuoto, il pilates, lo yoga ecc. Vanno benissimo. Tuttavia, nel corso della vita, ad ogni individuo capiterà spesso di avere a che fare con dei carichi (sollevare pacchi od oggetti sia da terra che verso l’alto), correre veloce (per esempio per riuscire a prendere il bus od il treno), trasportare dei pesi per le scale (borse di spesa, pacchi, cartoni d’acqua ecc.), spostare oggetti. In ogni caso anche per via delle sole attività quotidiane e lavorative giornaliere, il nostro corpo è soggetto ad assumere atteggiamenti posturali scorretti ed eseguire gesti motori errati. Una rieducazione posturale e motoria possono apportare molti benefici (e successivamente attività di rinforzo specifiche).

Capire come operano alcuni Personal Trainer vi può aiutare a fare le cose con più criterio.

Inizialmente occorre:

  • Analizzare il proprio stile di vita e cercare di capire cosa cambiare ed in che modo
  • percepire il proprio corpo in ogni movimento
  • eseguire dei test di flessibilità generale
  • effettuare test di equilibrio
  • imparare ad eseguire una corretta respirazione (attivazione dei pattern respiratori)
  • percepire la sensazione di fatica
  • imparare ad usare gli attrezzi ed imparare qualche esercizio specialmente quelli iniziali utili per i test valutativi
  • eventualmente eseguire semplici test di forza

 

Da tutte queste osservazioni e test si potrà capire come operare.

Se si è in sovrappeso, sappiate che il grasso in eccesso ha un impatto negativo sulla vostra salute. Se siete scoordinati occorrerà programmare l’allenamento in modo tale da dare priorità alla coordinazione motoria; se avete deficit di forza occorrerà correggere lo squilibrio; se siete deficitari ad eseguire movimenti base (per esempio chinarsi per raccogliere oggetti, fare una semplice accosciata ecc.) dovrete migliorare questi al più presto! Se avete scarsa capacità aerobica è necessario allenarsi per migliorarla; se siete poco flessibili in alcuni movimenti occorrerà programmare l’allenamento inserendo esercizi specifici per la flessibilità; idem per problemi posturali (qui entrano in gioco molteplici fattori). Se avete poca massa muscolare (tessuto metabolicamente attivo) occorrerà aumentarla. La storia della tonificazione muscolare viene utilizzata per non spaventare il soggetto perché appena sente parlare di massa muscolare pensa in maniera erronea all’atleta di bodybuilding. Questo perché per decenni è stata portata avanti una pseudo cultura. Questa appena descritta è una sintesi dell’articolo completo che potete scaricare in PDF. Nel testo completo verranno trattati in maniera più approfondita vari temi di natura teorica: teorie dell’invecchiamento, senescenza, variazione ormonale, impatto sulla struttura muscolo – scheletrica, definizione di stress e gestione dello stress, come l’alimentazione influisca nell’anti – aging, consigli pratici per l’allenamento ed esempi di test di flessibilità e di equilibrio; esempi di programmazione di allenamento; considerazioni generali. Nel caso in cui sono presenti patologie (per esempio metaboliche, ormonali ….discopatie, ernie ecc..) a maggior ragione occorre il supporto di diverse figure professionali. Se non vi va di leggere le pagine dedicate alla teoria, seguendo l’indice iniziale potete selezionare gli argomenti di maggior interesse. La lettura completa dell’articolo (anche un po’ alla volta) è sempre consigliata. Augurandovi una buona lettura vi lasciamo ad una frase di Ippocrate:

“Se si riuscisse a dare a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico avremmo trovato la strada per la salute”.

 

Note: la bibliografia si trova alla fine dell’articolo completo.

Scarica l’articolo completo in PDF

AUTORI:

Nazareno Cannuci:

Personal Trainer Specialist Elav ed Isec in: allenamento funzionale, allenamento per il dimagrimento, allenamento per la salute (exercise for health), rieducazione funzionale, respirazione e postura, allenamento per la forza e la massa muscolare;

Iscritto al  European Register of exercise Professionals (EREPS) livello EQF5;

Operatore in Metodologie anti-aging ed anti – stress (Università Sapienza, Roma)

Istruttore e Personal Trainer presso palestre siciliane (Gymnica – Meeting 1999-2013, Patti – ME)

Personal Trainer presso Health City (Bologna, 2013-2017)

Personal Trainer presso Palestre Italiane (Bologna 2017 – oggi)

Andrea Torresani:

Dottore In Scienze Delle Attività Motorie E Sportive

Personal Trainer presso Palestre Italiane (Bologna 2019 – oggi)

Istruttore di Ginnastica Preventiva e Adattata presso P. G.S. Bellaria (Bologna, 2017 – oggi)

Personal Trainer Elav Basic Certification

Allenatore di Calcio presso F.C. San Lazzaro Calcio (2014 – oggi)

NazarenoCannuci

Sono un operatore nel settore fitness da tantissimi anni. Aiuto le persone a raggiungere i loro obiettivi come: raggiungere una migliore forma fisica e benessere, ridurre il grasso superfluo, tonificare e modellare il proprio corpo , rimanere giovani ed in forma fino a tarda età consigliando anche opportune metodologie per la gestione dell'invecchiameto e dello stress!! Costruisci una nuova immagine di Te! Ognuno di noi ha dentro di se un potenziale, basta tirarlo fuori. Le persone possono, tu puoi , credici!

Commenti (0)

Lascia un commento